Lo svezzamento: socializzazione, gioco, convivenza

12.10.2014
|
0 Commenti
|

Decidere di prendere un cucciolo è una scelta importante, da fare con grande responsabilità sapendo che l’impegno inizia dall’istante in cui il nuovo amico a quattro zampe varca la soglia di casa tua.

Sarà pronto per l’adozione intorno alle 10-12 settimane di vita durante le quali è cresciuto grazie al cibo materno, perfettamente bilanciato, necessario per gettare le basi di una crescita forte e sana.

In quello stesso periodo ha appreso il linguaggio della sua specie e ora è pronto sia per imparare a convivere con gli umani, sia per lo svezzamento.

La tua accoglienza fatta di affetto, carezze e gioco, e la consapevolezza dei suoi bisogni alimentari, saranno determinanti per farlo crescere forte e felice.

Sono diverse e precise le tappe della crescita di un cucciolo e tu hai un ruolo fondamentale:

  • insegnare a socializzare con altri cuccioli e/o adulti di cane e con altri animali;
  • definire i ruoli: tu non sei il sostituto della madre, ma un compagno di viaggio, che stabilisce tempi e regole del gioco
  • educarlo con dolcezza, ma fermezza, alla convivenza e al rispetto delle consuetudini della casa
  • scegliere attentamente l’alimentazione adeguata all’età, la razza e la taglia che determinano il suo specifico fabbisogno nutrizionale. Un cucciolo di piccola stazza cresce molto più velocemente di quelli a taglia media e grande, gli bastano infatti una decina di mesi per raggiunge la sua struttura da adulto, mente agli altri ne occorrono da 12 a 24.

L’alimentazione è un punto fondamentale.

Il cibo su misura per il tuo cucciolo favorisce la costruzione dello scheletro e lo sviluppo della muscolatura, seguendo l’evoluzione dei bisogni energetici che avviene in due fasi.

Prima fase

Fra lo svezzamento e la comparsa dei denti definitivi, il tuo cagnolino ha un’intensa attività metabolica e aumenta di peso ogni giorno, per questo ha bisogno del doppio dell’energia di un cane adulto (di uguale peso) e un adeguato apporto di fosforo e calcio, ma con la giusta dose di nutrienti per evitare il rischio sovrappeso che, se si verifica, può portare problemi osteoarticolari e digestivi.

Una buona regola è rispettare il ritmo dei pasti, scegliendo gli alimenti secondo la qualità e la specificità.

Seconda fase

Si consolida lo sviluppo: su una struttura ossea che s’irrobustisce, prende forma la muscolatura.

Il dispendio di energia è minore, rispetto alla fase precedente, anche se i suoi bisogni continuano a essere superiori a quelli di un cane adulto dello stesso peso.

Per questo devi modificare l’alimentazione adeguandola a questo cambiamento, tenendo strettamente controllato il peso.

Ideale è dargli razioni di cibo misurate (decidendolo per esempio con il tuo veterinario) senza cedere alla tentazione di soddisfare le sue richieste di dolciumi o avanzi dei tuoi pranzi.

Un cucciolo sovrappeso ha più probabilità di diventare un adulto obeso, con tutte le conseguenze di salute che questo comporta.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + 18 =