Utili consigli sulla salute e il benessere psico-fisico del pastore bianco svizzero. Cure e attenzione a quello che mangia, l’alimentazione è fondamentale per la salute del cane che è un carnivoro.

L’arrivo a casa del cucciolo di pastore svizzero

Dopo l’acquisto o l’adozione, il cucciolo di pastore svizzero avrà a che fare con un ambiente completamente nuovo, sia che lo si tenga all’interno delle mura domestiche, sia fuori.

Questa razza canina si è molto diffusa negli ultimi anni grazie all’apprezzamento delle qualità della razza, che principalmente stanno nel carattere equilibrato, ottima predisposizione all’apprendimento e al contatto con l’uomo, buona resistenza e salute fisica.

Le doti innate di cui dispone il pastore svizzero non sono però sufficienti a garantire un corretto sviluppo psico-fisico, perché dati stimoli dall’ambiente esterno, se non controllati, influenzano negativamente il comportamento.

Per evitare brutte sorprese bisogna solo seguire poche e semplici regole.

Innanzitutto all’arrivo del cucciolo la casa deve già essere predisposta all’accoglienza, ovvero devono essere presenti le ciotole per acqua e cibo, una cuccia personale e, in secondo luogo, qualche gioco per l’intrattenimento. Continua a leggere

Le allergie alimentari del cane e possibili soluzioni

I cani possono essere colpiti da forme allergiche legate al consumo di certi alimenti.

I sintomi sono spesso a carico della cute (ma non solo) e senz’altro non sono da sottovalutare.

Sul nostro sito troverai alcune informazioni che ti aiuteranno ad interpretare i primi segnali, affinché ti possa rivolgere tempestivamente al veterinario.

Le allergie alimentari sono chiaramente patologie nelle quali la corretta nutrizione svolge un ruolo importante.

Una percentuale di cani tra l’1 e il 10% soffre di problemi cutanei, causati dall’alimentazione.

Per ridurre questi problemi è fondamentale evitare tutti gli alimenti secchi o umidi che contengono farine di cereali (mais o grano) come componente principale del mangime.

Su alcune razze l’alimentazione a crudo è una delle più indicate, imitando madre natura che ha creato il cane come un carnivoro e non per essere alimentato a crocchette industriali contenenti conservanti, aromatizzanti e derivati del mais.

Le allergie alimentari rappresentano la terza causa di disturbi dermatologici nei cani, dopo le allergie dovute ai parassiti e le dermatiti atopiche, malattie genetiche che colpiscono il sistema immunitario. Continua a leggere

Le patologie più comuni nel cane

Nell’uomo e negli animali albergano innumerevoli microrganismi su tutte le superfici corporee a contatto diretto o indiretto con l’ambiente esterno che si è visto per natura ricchissimo.

La presenza massiccia di microrganismi sulla cute o sulle mucose è un evento non dannoso, ma addirittura utile.

Così accanto a microrganismi con i quali gli animali hanno trovato un equilibrio da cui scaturiscono mutui vantaggi, si collocano microrganismi che svolgono un’attività di parassitismo senza recare vantaggio all’ospite: nel primo caso si parla di simbiosi nel secondo caso di commensalismo.

Continua a leggere

Filariosi nel cane: una malattia pericolosa e sottovalutata

In Italia, 6 milioni di cani vivono in aree a rischio filariosi, una malattia trasmessa a un cane sano da un cane infetto attraverso la puntura di una zanzara.

Solo un proprietario su due la conosce e solo un cane su tre è protetto durante la stagione di rischio.

Questa malattia, se non diagnosticata in tempo, può provocare conseguenze di diversa natura e gravità che possono compromettere le regolari funzioni cardio-respiratorie e portare, in casi estremi, alla morte. Continua a leggere